• Libra Adri

Lascio tutto e vado via !




   A molti viene di pensare “lascio tutto e vado via !” è facile a dirsi ma oggi anche relativamente facile a farsi. 


Esistono addirittura delle società che, per un lauto compenso, organizzano il trasferimento all’estero…. anche per quelli che non vogliono farsi trovare….


I motivi per andarsene sono diventati molti: una vita opaca, amici che tutto sono meno quello che dichiarano di essere, famiglie sfasciate in cui le avide ex consorti pensano solo all’assegno mensile; -ne conosco un paio che prima di dileguarsi con gli “argenti” della casa hanno portato via anche il cedolino dello stipendio del marito-; mogli abbandonate dopo trenta anni di matrimonio perché il marito ha bisogno di una pausa di riflessione… si ma… con una ragazza di trenta anni più giovane di lui; figli che ti fanno una telefonata solo se hanno bisogno di qualcosa; la tristezza di un’esistenza senza prospettive, il grigiore di una vita senza desideri…… ognuno di voi potrebbe aggiungere un elemento nuovo in questo mio elenco.


Sono ancora pochi coloro che pensano che un motivo valido per lasciarsi tutto dietro le spalle, sia la voglia di ricominciare, per vivere un vita più semplice, instaurare rapporti umani più genuini, rifiutare una società che ti induce a pensare che solo il superfluo è indispensabile ed insostituibile.


Si vuole fuggire da qualcosa, non vivere per…..





Comunque, chi un giorno avrà il coraggio o l’incoscienza di lasciare “le comodità” a cui è abituato e vorrà trasferirsi in un paese considerato del “terzo mondo” deve mantenere la testa a posto.


Nei paesi in cui ci si potrebbe trasferire, Costarica, Indonesia, Thailandia, India, tanto per portare un esempio, con 1000 euro al mese, si può vivere e vivere bene.


Una bella casa, una domestica, vigilante, giardiniere, un tenore di vita che in Europa pochi possono permettersi.


Dov’è il verme in questa bella ciliegina che vogliamo mettere sulla nostra vita?


Il problema è insito in ogni essere umano, sta al singolo rendersene conto ed affrontarlo nel proprio intimo.





‘Oddio che sarà mai’ -starà pensando qualcuno-


Una vita così può cambiare le persone e non sempre in meglio.


‘Sono pronto a correre il rischio’, si dirà qualcun altro.



Una vita in cui si è raggiunto il sogno con cui tutti o quasi fantasticano, potrebbe trasformare alcuni in degli emeriti stronzi.


Ho conosciuto italiani ma anche statunitensi, olandesi, inglesi, australiani, che fatto il “salto”, il loro tenore di vita li ha posti a livelli sociali al di sopra delle loro più rosee aspettative, ed oggi possono permettersi quasi tutto ciò che desiderano.


Costoro, che in Europa potrebbero vivere solo modestamente, riescono senza sforzo a vivere nel lusso a livelli inusitati e tutto ciò corrompe coloro che pensano di essere superiori ad altri per un puro fattore economico, vestendosi di arroganza ed erigendo un muro di superbia.


Queste categorie di persone, per puro snobbismo, si riuniscono in club in cui gli indigeni sono esclusi, sulla falsa riga dei circoli inglesi in India alla fine dell’800 in cui gli indigeni erano ammessi solo se camerieri, domestici e bassa manovalanza. 


Alcuni, “fuggiti” dal loro paese per allontanarsi da una società troppo restrittiva, quando si presentano, dicono solo il nome, quasi avessero paura di essere riconosciuti per quello che erano; altri, buon per loro, si sono creati una nuova vita, insieme con la moglie e i figli, ma questi sono una minoranza.




Per fortuna ci sono persone intelligenti che si rendono conto che la loro posizione è invidiabile senza perdere il senso della misura e con ragionevolezza non permettono al cambio favorevole, di falsare il valore delle situazioni.


Sono queste le persone che hanno lavorato duramente e rischiato tutto quello che avevano per iniziare una nuova attività ed oggi meritano giustamente di goderne i frutti.


Altre persone hanno risparmiato per anni per realizzare un sogno a lungo accarezzato per godersi l’ultima parte della loro vita con meritata serenità.

A questi va tutto il mio rispetto e faccio loro i miei più sinceri auguri.


#cambiarevita #trasferirsiallestero

0 visualizzazioni